giovedì 14 luglio 2016

Una serata in libreria 2#

"Ci piacciono i libri ma ci piace di più la gente che li legge"


Buon pomeriggio lettori!

Oggi volevo pubblicare la recensione di Acquanera di Valentina D' Urbano ma la voglia di condividere con voi il mio ultimo acquisto libroso è tanta che ho deciso di rimandarla. Ieri, nella libreria del mio paese io e le mie colleghe del gruppo di lettura "Cuore di libro" ci siamo riunite per discutere del romanzo che abbiamo insieme letto e scegliere la nuova lettura. Il romanzo letto lo scorso mese è stato "Piangi pure" di Lidia Ravera (per la recensione cliccare qui).

Piangi pure è piaciuto alla maggior parte di noi, qualcuna l' ha trovato un pò lento, altre lo hanno definito molto profondo e intenso mentre a poche non è piaciuto o non hanno avuto modo di leggerlo ancora. Insomma tirando le somme come primo approccio verso quest' autrice l' esito è stato positivo! Deposto, quindi, il libro in libreria siamo pronte per intraprendere una nuova avventura con un autore francese, "Ninfee nere" di Michel Bussi, edito da Edizioni e/o, pag. 394.

Un romanzo che ha trovato il consenso di tutte noi e io, non vedo l' ora di leggerlo, amo Monet, amo gli impressionisti e questo libro fa proprio per me!


Un romanzo geniale che, attraversando il magico mondo dei quadri di Monet, ci porta dentro un labirinto di specchi in cui sta al lettore distinguere il vero dal falso.



Sinossi: A Giverny in Normandia, il villaggio dove ha vissuto e dipinto il grande pittore impressionista Claude Monet, una serie di omicidi rompe la calma della località turistica. L'indagine dell'ispettore Sérénac ci conduce a contatto con tre donne. La prima, Fanette, ha 11 anni ed è appassionata di pittura. La seconda, Stéphanie, è la seducente maestra del villaggio, mentre la terza è una vecchia acida che spia i segreti dei suoi concittadini da una torre. Al centro della storia una passione devastante attorno alla quale girano le tele rubate o perse di Monet (tra le quali le Ninfee nere che l'artista avrebbe dipinto prima di morire). Rubate o perse come le illusioni quando passato e presente si confondono e giovinezza e morte sfidano il tempo. L'intreccio è costruito in modo magistrale e la fine è sorprendente, totalmente imprevedibile. Ogni personaggio è un vero enigma. Un'indagine con un succedersi di colpi di scena, dove sfumano i confini tra realtà e illusione e tra passato e presente. Un romanzo noir che ci porta dentro un labirinto di specchi in cui sta al lettore distinguere il vero dal falso.


ESTRATTO

Tre donne vivevano in un paesino.

La prima era cattiva, la seconda bugiarda e la terza egoista.

Il paese aveva un grazioso nome da giardino: Giverny.

La prima abitava in un grande mulino in riva a un ruscello, sul chemin du Roy; la seconda in una mansarda sopra la scuola, in rue Blanche-Hoschedè-Monet; la terza con la madre in una casetta di rue du Chateau-d' Eau dai muri scrostati.

Neanche avevano la stessa età. Proprio per niente. La prima aveva più di ottant' anni ed era vedova. O quasi. La seconda ne aveva trentasei e non aveva mai tradito il marito. Per il momento. La terza stava per compierne undici e tutti i ragazzi della scuola erano innamorati di lei. La prima si vestiva sempre di nero, la seconda si truccava per l' amante, la terza si faceva le trecce perché svolazzassero al vento.


Basta, basta, mi fermo qui, vi anticipo solo che sono andata avanti nella lettura e non è niente male! Ora la parola passa a voi, conoscete ques' autore? Avete letto il romanzo? Vi ho incuriosito un pò? Curiosa di sapere che ne pensate vi lascio alle vostre letture!!! Un bacio, Rosa.


8 commenti:

  1. wow che post pieno di entusiasmo, aspetto di leggere la tua recensione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro molto avvincente!!! Penso che lo finirò presto!

      Elimina
  2. Dopo la chiacchierata telefonica, tra programmare il nostro incontro a Sorrento (solo Dio sa quanta voglia ho di incontrarti), e le prime impressioni sulla nuova lettura del gruppo, non ho potuto fare a meno di segnare il titolo, un giallo basato su avvenimenti reali... wooow!
    Bacio amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una bella lettura... speriamo che nei giorni che stai qui ci sarà un incontro così potrai venire anche tu e conoscere il nostro variegato gruppo di lettura! Un abbraccio!

      Elimina
  3. Ciao Rosa, sono Serena del blog Libri e molto altro. Ho ricambiato l'iscrizione. Sono curiosa di sbirciare le tue letture :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Serena benvenuta sul mio blog!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ciao :) bellissimo blog! Anche io vorrei leggere questo libro perché adoro l'impressionismo e Monet :)

    RispondiElimina